Le mascherine “Toiletpaper loves Seletti”

Se la mascherina fino a poco tempo fa era un oggetto piuttosto inconsueto, oggi è una costante del nostro quotidiano. Così, Toiletpaper loves Seletti ha lanciato la sua linea di mascherine.

Già da decenni la mascherina ha attirato l’attenzione di designer, di artisti e di icone pop. D’altronde, nelle grandi metropoli orientali le mascherine sono di uso comune da decenni. Negli USA degli anni Novanta Micheal Jackson si presentava spesso in pubblico indossandone una. La mascherina è comparsa nei video musicali iper-avveniristici di Grimes, e non solo. In Italia, Myss Keta ne ha fatto un elemento letteralmente iconico.  

Oggi indossare una mascherina è una necessità e Seletti ha deciso di dare alla cosa un tocco di stile e di irriverenza.

Estetica pop e humor nero

Le mascherine proposte da Toiletpaper loves Seletti sono lavabili, idrorepellenti e antibatteriche. Realizzate interamente in Italia, le loro fantasie riprendono alcuni degli scatti più celebri di Toilerpaper Magazine, la rivista nata nel 2010 dal sodalizio artistico tra Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari.

 

Estetica pop, l’umorismo nero, ironia e tanta irriverenza.

Un progetto di solidarietà e beneficenza 

Dietro alle mascherine Toiletpaper e Seletti non c’è solo una scelta di stile, ma anche un grande progetto di solidarietà e di beneficenza. Per ogni mascherina venduta, infatti, Seletti donerà 2€ alla FISM, la Fondazione di AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *